Dopo aver capito quale shock aver provocato nei miei conoscenti con il post sulla nutella, oggi mi faccio perdonare raccontando i benefici del cioccolato…. Ovviamente nel post scorso mi riferivo agli zuccheri (!!!), ma dato che mi è stato detto che “è stato un colpo basso prima di Pasqua”, mi voglio redimere🙏

Il cacao (e non il cacao + gli zuccheri + oli vegetali + additivi vari tra cui latte in polvere pieno di colesterolo ossidato…) ha molti benefici e, come tutti gli alimenti (quasi), in alcuni casi è bene evitarlo…farò qualche esempio.

Lo sapevate che…..

– Grazie alla teobromina, il cioccolato ha un’azione antidepressiva e tonica sul sistema nervoso, migliorando lucidità e concentrazione. Due (e non di più) tocchetti di cioccolato molto fondente possono essere molto di aiuto per un pomeriggio di studio! Inoltre, ci aiuta anche ad attenuare ansia ed effetti dello stress.

РSempre grazie alla teobromina, questo alimento ̬ in grado di indurre sensazioni di appagamento. Mica poco eh?

– Un’altra sostanza contenuta nelle fave di cacao è l’epicatechina, sostanza appartenente alla classe dei flavonoidi, che forse conoscerete per il tè verde. Oltre ad avere azione antiossidante, favorisce una migliore irrorazione sanguigna dei muscoli e quindi l’ossigenazione dei tessuti, anche attraverso la produzione di ossido nitrico.
L’epicatechina ha un’azione positiva anche sulla sensibilità all’insulina. Té verde e cioccolata molto fondente possono essere usati per tenere sotto controllo la glicemia!

– Non possiamo ignorare l’elevata quantità di minerali contenuta nel cacao come il magnesio (utile per la sindrome premestruale), il potassio, il rame e il ferro, oltre alle altre sostanze antiossidanti importantissime per la protezione cardiovascolare e il mantenimento dell’elasticità delle arterie. La presenza di epicatechina aiuta anche nel controllo della pressione😯

⚠️ATTENZIONE: le stesse indicazioni non valgono per il cioccolato al latte o per quello bianco a causa del minor contenuto di sostanze antiossidanti e della maggior quantità di zuccheri!

QUANDO RIDURNE IL CONSUMO?

Il cioccolato fondente, nonostante tutte le proprietà, non è un alimento adatto a chi soffre di gastrite, reflusso gastroesofageo, ulcere e sindrome del colon irritabile in quanto potrebbe avere un effetto irritante. Da eliminare in caso di protocolli dietetici a basso contenuto di istamina o allergia al nichel.
Infine, ne sconsiglio il consumo se già consumate tanti caffè al giorno (contiene caffeina), anzi ne consiglio una sostituzione al caffè 😉

CONSIGLI per l’acquisto

(Prima precisazione: gli ingredienti che vengono aggiunti alla tavoletta, nello specifico latte e zuccheri sono i veri responsabili di acne e brufoli).

Il primo ingrediente, quindi quello presente in maggiori quantità, dovrebbe essere la pasta di cacao.
Spesso in etichetta è presente anche il burro di cacao, grasso già contenuto nei semi di cacao e che viene aggiunto ulteriormente per dare la sensazione di “scioglievolezza” cit. di Lindor.

Gli ingredienti che non dovrebbero essere presenti sono gli oli vegetali; molto comune è l’ olio di palma (come nella Nutella).

Le quantità di zucchero devono essere inferiori al 25-30% (cioccolato 80-85%). Sono da evitare anche i dolcificanti (ex: acesulfame, aspartame o altro), indice di scarsa qualità del cacao utilizzato. Evitare anche tavolette con la presenza di latte in polvere!

A volte può essere presente la lecitina di soia o di uovo che serve come emulsionante, tuttavia è presente in piccole quantità per cui può essere consumata anche da chi deve eliminare i prodotti della soia dalla propria alimentazione.

Mangiate cioccolata, ma scegliete bene!
Buona Pasqua a tutti🤩🐇

Per approfondire: “Cioccolato.Teobromina 650 mg. Leggere attentamente il foglietto illustrativo” di Arianna Rossoni.